Software4HR | Software per le risorse umane



Che sia orientamento al lavoro oppure orientamento formativo o ancora che si tratti di orientamento "in uscita", tutti questi servizi necessitano di adeguati software a supporto. Quali software scegliere?

I servizi di Orientamento stanno diventando sempre più centrali nel contesto dell'economia globale. L'orientamento non solo agisce come un facilitatore di mercato aiutando l'incontro domanda ed offerta nel mercato del lavoro, ma l'orientamento è anche di per se stesso un mercato, nel quale il bene venduto è rappresentato da un insieme di servizi dedicati allo sviluppo di carriera.

Il capitale aziendale oggi viene identificato in due forme prevalenti: financial capital e intellectual capital, il secondo spesso è suddiviso in varie forme che per sintesi possiamo dire: human capital e stuctural capital.

In questo scenario i servizi di Orientamento e quelli di Carriera sono considerati dei fattori chiave per lo sviluppo. Rientrano a pieno nei cosiddetti KISA: Knowledge Intensive Service Activities, quell'insieme di servizi a supporto dell'innovazione e della competitività che sono le chiavi di successo nell'attuale scenario socio-ecoomico.

Gli operatori di orientamento si trovano ad affrontare una sfida impegnativa: l'impiego delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), non solo per la gestione delle informazioni, ma anche per l'erogazione di servizi all'utente. Un esempio molto attuale ad esempio è la capacità di gestire un colloquio consulenziale non più faccia a faccia ma in video conferenza.

Un sistema ICT per l'orientamento deve supportare differenti servizi offerti con elevati standard di qualità dagli orientatori: Informing, Advising, Assessgin, Teaching, Enabling, Advocating, Networking, Feeding Back, Managing, Mentoring, Followign UP.

E' necessario dunque progettare un sistema ICT che supporti la gestione dell'informazione e l'erogazione di servizi, e che vada oltre la comunicazione meramente passiva dei siti web. Un sistema che risulti intuitivo per gli utenti finali e necessiti di un tempo di formazione limitato per gli operatori.

Non dimentichiamo inoltre che nello scenario attuale è fondamentale che lo strumento sia disponibile su un numero elevato di dispositivi mobili, in particolare per quel che riguarda la fruizione da parte dell'utente finale.
La soluzione più interessante nello senario attuale è quella di acquisire o realizzare un sistema di gestione di servizi informatici (web based in particolare) consolidati e verticalizzati su specifiche funzioni. Esistono infatti realtà governative o semi governative che dispongono di banche dati dalle quali non si può prescindere per erogare un buon servizio di orientamento, così come esistono accreditate piattaforme di assessment on-line che garantiscono servizi di qualità.
A centro di questo ecosistema di servizi web based per l'orientamento, una piattaforma di e-learning potrebbe svolgere il ruolo di integratore di servizi verticali vantando la disponibilità ampia di moduli pensati per lo sviluppo delle risorse umane e la gestione delle competenze in azienda. La funzione di teaching compresa tra i servizi di orientamento è supportata dai moderni LMS, come Docebo. Una piattaforma di e-learning supporta naturalmente il networking, essendo progettata per invogliare la creazione di comunità di apprendimento. Le funzioni sia di tutoring che di mentoring sono da considerarsi in un contesto LMS come funzioni di base.

Non dimentichiamo che un servizio ICT deve supportare non solo l'operatore nell'erogazione del servizio all'utente, ma anche rendere più performante il proprio processo di lavoro. In particolare è richiesto al sistema di rendere disponibili in maniera immediata, analitica o sintetica i dati relativi ad un utente o ad una popolazione di utenti. Operazioni di business intelligence sono centrali all'interno delle grandi aziende, ma anche all'interno delle grandi istituzioni educative.

L'immediata disponibilità on-line dei servizi ICT (SAAS) e la disponibilità di questi a comunicare tramite API, rendono possibile oggi lanciare un ecosistema ICT dedicato all'orientamento sia alle small firm, che fino ad oggi sembravano escluse dai benefici dei KISA, sia alle piccole realtà amministrative, quali centri di orientamento provinciali, scolastici o universitari.